FitAdvisor
" Scopri le migliori attività vicino a te, scegli la struttura adatta e partecipi ... con le tue opinioni"
Nuova Ricerca

Intervista al Fondatore Mario Visentini e al Presidente Francesco Loda di CorrixBrescia

Intervista al Fondatore Mario Visentini e al Presidente Francesco Loda di CorrixBrescia

In questa intervista avremo il piacere di conoscerle meglio il CorrixBrescia una realtà da anni importante del panorama bresciano e non solo per il mondo dei runner professionisti, principianti, pro-runner e camminatori perché il bello dello sport è proprio la sua inclusività. È giunto il momento di dare voce al fondatore Mario Visentini e all’attuale presidente Francesco Loda di CorrixBrescia.


1.Mario prima di parlare del CorrixBrescia, racconta ai nostri lettori come nasce la tua passione per la corsa a piedi?


Bella domanda! Se  la poni a chi va in palestra, in piscina  o gioca a tennis o scia,  magari si ricordano data e ora della prima volta. La Corsa è talmente naturale,  ce l'abbiamo nel nostro dna grazie ai nostri avi, subito dopo che impariamo a camminare iniziamo a correre.   Quindi si inizia così, per caso,  poi smetti poi ricominci.. e poi non ti fermo più! Nel mio caso il running era il collegamento tra due sport che praticavo con grande passione: lo sci d'inverno e le immersioni d'estate..ad oggi la corsa ha soppiantato gli altri sport. Una malattia? Forse, ma che fa bene al fisico e alla testa.


2.Raccontaci come nasce il CorrixBrescia?


CorrixBrescia nasce dal mio impegno verso la mia città. Ho passato anni nei gruppi di lavoro creati per prevenire il disagio giovanile, poi mi sono impegnati politicamente ma sempre nell'ottica dell'impegno civico, per 8 anni sono stato consigliere di circoscrizione e molto vicino ad entrare in consiglio comunale, ho fatto parte di varie associazioni. Ma da tempo, pensavo a come trasmettere la mia passione agli altri, per migliorare il loro benessere e la qualità della  vita in città,  tramite uno sport facile, popolare, aperto a tutti, che favorisse la socializzazione.  Avevo letto su una rivista che a Padova era nato una iniziativa come avevo in mente io, ho fatto qualche sopralluogo nella città veneta e, dopo aver raccolto dagli organizzatori le informazioni necessarie,  nel 2011 presentai un progetto alla giunta comunale di Brescia:  venne subito approvato, con il solo diktat che avrei dovuto occuparmene in prima persona; subito dopo aver costituto una a.s.d. coinvolsi due enti di promozione sportiva AICS e UISP a cui nel 2014 si aggiungerà il CSI. Subito dopo il progetto venne il problema dei volontari: senza il loro prezioso aiuto anche l'idea migliore non può realizzarsi. Fortunatamente la mia esperienza anche lavorativa nel settore non profit mi fu di grande aiuto. Dopo parecchie notti in bianco, tra tanti "gufi" che non le davano più di un mese di vita e al massimo 100 partecipanti,  venne la fatidica  prima CorrixBrescia 17/11/2011. Fu un successo "a prima vista": 87 iscritti già dalla prima sera e tanto entusiasmo, tanto che i primi 10 giovedì di prova divennero 25 e alla fine della prima edizione furono 470 gli iscritti. Non senza difficoltà seguirono una seconda edizione,  ma soprattutto altre persone di buona volontà e di tanta passione venne a darmi una mano, amici che tutt'oggi sono nel comitato organizzatore.


3.Quali sono gli aspetti che contraddistinguono il CorrixBrescia?


Sicuramente la voglia di fare movimento ma anche di incontrare e conoscere altra gente. Non siamo solo "quelli che corrono (e camminano) il giovedì" da noi c'è molta solidarietà e socializzazione; inoltre molti riscoprono Brescia e se ne riappropriano. Sottolineo che ai tanti runner si affianca un esercito sempre più numeroso di camminatori. E questo è un grande successo soprattutto per la loro salute. Dal lato oganizzatori c'è da ricordare che CxBs non si ferma mai: quando termina una edizione siamo già in pista per programmare e pianificare la successiva sempre alla ricerca di idee nuove.


4.In questi anni di CorrixBrescia in qualità di fondatore ti aspettavi una crescita così esponenziale?


Sono una persona che vuole sempre migliorare con un sottofondo di eterna insoddisfazione, , quindi si, mi aspettavo questi numeri, ma mi piacerebbe una città sempre più coinvolta in CxBs; dicevo prima che ci sono stati anni difficili, di quelli che ti chiedi chi te lo fa fare; poi, come in una maratona, stringi i denti, non senti il dolore e vai avanti, convinto di essere sulla strada giusta. Ci tengo ricordare che per me l'impegno in CxBs è volontariato puro , senza alcun utile economico né rimborso spese. Pochi oggi lo fanno nelle non profit, non li biasimo, ma io la penso così.


5.In questi anni del CorrixBrescia, qual è stata la tua più grande soddisfazione?


La piu grande soddisfazione è "ogni maledetto giovedì" quando vedo i partecipanti che se ne tornano a casa felici: nella loro soddisfazione sta la mia soddisfazione.


6.Nell’anno 2015 viene eletto un nuovo presidente del CorrixBrescia. Mario ci vuoi raccontare come nasce l’amicizia con l’attuale presidente Francesco Loda prima di lasciare la parola?


Dopo 4 anni alla guida di CxBs ho  voluto lasciare le redini, un po' per motivi di lavoro ma anche perché è giusto " lasciare spazio ai giovani"; quante volte lo diciamo ma poi quando lo facciamo davvero? È uno dei problemi del nostro Bel Paese. Sta di fatto che nel mio gruppo di lavoro c'era un giovane che vedevo molto pro-attivo e motivato, con buone idee. Gli ho garantito il mio affiancamento negli anni a venire... ed eccoci qui, ormai pronti alla settima edizione.


7.Francesco in qualità di presidente del CorrixBrescia,come ti sei avvicinato a questo mondo dei runner? Nasce dalla passione per le corse a piedi?


In realtà mi sono avvicinato alla corsa per caso e pochi anni fa. Ho iniziato a correre nei primi mesi del 2011, dopo anni di completa inattività dalla pratica sportiva. Mi è piaciuto e corricchiavo un paio di volte a settimana da solo. Poi a Novembre dello stesso anno, ho visto un articoletto sul Giornale di Brescia che partiva questa nuova iniziativa, la “CorrixBrescia”, ed era a pochi minuti da casa. Mi sono iscritto già al primo appuntamento, anche se avevo un impegno per quella serata. Me lo ricordo ancora, era circa metà novembre, piovigginava e sotto il porticato della Loggia era stato messo un tavolo per le iscrizioni. Dietro quel tavolo c’era Mario Visentini e gli ho chiesto se potevo iscrivermi anche se quella sera non avrei potuto partecipare. Avevo la tessera numero 12 e le prime 10 erano riservate allo staff…insomma, un fedelissimo si dall’inizio.


Alla fine della stagione ho iniziato a collaborare come Pacerunners, poi nella seconda edizione Mario mi ha coinvolto maggiormente chiedendomi di diventare il responsabile dei volontari sul percorso. E da due anni sono qui in qualità di Presidente. Non me lo sarei mai aspettato.


8.Si avvicina una nuova stagione, cosa ti aspetti da questo nuovo anno di attività?


Mi aspetto un altro anno di grande lavoro. Ogni stagione è sempre più impegnativa, le esigenze dei runners e dei camminatori aumenta sempre e sia io, che il mio staff, ci mettiamo tutto l’impegno possibile per soddisfare le loro richieste al meglio e proporre sempre qualcosa di nuovo.


9.Qual è oggi il valore aggiunto del CorrixBrescia?


Il valore aggiunto di CorrixBrescia è, da sempre, la gente che partecipa a CorrixBrescia. Due anni fa abbiamo coniato il motto #iosonocorrixbrescia, proprio per questo, perché ogni persona che partecipa, in qualsiasi modo, è parte integrante dell’Associazione e ne rende grande la manifestazione.


Ma CorrixBrescia esiste solo grazie al grandissimo staff che mi aiuta per tutto l’anno, perché senza di loro sarebbe proprio impossibile realizzare tutto questo. Ad iniziare dai tre Enti di Promozione Sportiva, AICS, CSI e UISP, per proseguire con il Consiglio Direttivo, il Comitato Organizzatore, i Pacerunners, i Volontari sul percorso, gli addetti alle iscrizioni, al ristoro e al riscaldamento pre corsa, le guide per gli atleti ciechi e autistici. Uno staff che conta quasi 130 persone in totale e che si aiuta lavorando in sinergia costantemente. Quello che si vede il giovedì sera in Piazza Vittoria, è solo la punta dell’iceberg. Il risultato di una settimana di lavoro sotto traccia che io e le persone fantastiche che sono al mio fianco, svolgiamo per rendere ogni serata la migliore possibile.


10.Quali sono i progetti futuri del CorrixBrescia?


Quest’anno probabilmente verranno allargati ulteriormente i progetti Blind Runner e Special Runner, ma la grande novità è un progetto ancora tutto in cantiere di cui per il momento non possiamo svelare nulla.


11.Qual è l’elemento che oggi differenzia il Corrixbrescia dagli altri eventi sportivi?


Gli elementi sono due: la Solidarietà e l’assenza di competitività.


La solidarietà è sempre stata al centro del progetto di CorrixBrescia e ogni anno riusciamo a fare qualcosa per le varie associazioni che man mano ci si avvicinano. Questo è motivo di grande orgoglio per me.


L’assenza di competitività fa il resto. Perché anche nella corsa, come negli altri sport, c’è competizione; oltre che individuale, anche a livello di squadre di appartenenza. Negli anni passati è successo anche che alcune squadre agonistiche non vedessero di buon occhio CorrixBrescia per la paura di perdere degli atleti, ma nella realtà non è così. Anzi, il gruppo dei Pacerunners (ragazze e  ragazzi che scandiscono il tempo ai vari gruppi) è composto da persone iscritte a tutte le maggiori società FIdal di Brescia e Provincia; perché CorrixBrescia non è affiliata a Fidal, anche se ha già avuto ottime collaborazioni, ma CorrixBrescia non è e non vuole essere una squadra competitiva. Questo fa la differenza. Semplicemente la voglia di correre o camminare in compagnia. Per non allenarsi da soli, soprattutto in inverno quando fa freddo e c’è buio.


È lo spirito che ho trovato quando mi sono iscritto in quel novembre di 6 anni fa, con la tessera numero 12, e che mi impegno ogni giorno a mantenere vivo ora che ho l’onore di guidare questa magnifica realtà.


Ringraziamo il fondatore Mario Visentini e il presidente Francesco Loda per l’intervista e il tempo dedicato… Ora è arrivato il momento di mettersi le scarpe da ginnastica e correre per la città.


Video Spot CorrixBrescia:




Articoli correlati:


Nasce una nuova partnership
tra Fitadvisor e CorrixBrescia

1000 Passi per Brescia 
giunge alla V Edizione:
Venerdì 19 Maggio 2017
Scritto da : Stefano

Potrebbe interessarti anche :

Diamo Voce allo Sport attività sportiva attività fisica Fitadvisor competizione Runners CorrixBrescia Mario Visentini Francesco Loda solidarietà